287

IL POKER DI BORSALINO & C. LA STORIA IN UN SUCCESSO D’AZIENDA

Terzo  di quattro cartoni pubblicitari. L’ “ Omero 1906 “

287

Terzo cartone  a marchio G.B. Borsalino  fu di Lazzaro & C.  – Alessandria. La storia del successo è infinita. Il vero salto di qualità fu  il Grand Prix, un importante attestato di qualità vinto all’ Exposition Universelle di Parigi del 1900, che  diffuse la fama del marchio in tutto il mondo.  Il primo di Hollywood  a portare sullo schermo un Borsalino fu Charlie  Chaplin che ancora oggi è ricordato   con il  suo ” bombetta” pendant con   bastone e  papillon .   Quale leggera maneggevolezza di  quella “ bombetta “  usata sapientemente per ogni occasione, con scherno e  fissazione cronica  di toglierla o metterla ?.   Il successo tra il 1910 e 1940 è enorme  e i cappelli  “Borsalino “ finiscono  sul grande schermo.  Nel 1942 in “ Casablanca “ la coppia Humphrey Bogart – Ingrid Bergman   porteranno in testa un Borsalino “  nella scena di addio finale. Nel 1970 esce  il film “ Borsalino” , diretto da Jacques Deray, tratto dal romanzo “Bandits à Marseille” di Eugène Saccomano e ispirato alle figure di Paul Carbone e François Spirito, due membri di spicco della malavita marsigliese degli anni trenta e  interpretati da Jean- Paul Belmondo  e Alain Delon nei panni di due gangster armati di Luger alla cintola e Thompson automatico a caricatore tondo. Prosegue la fama verso gli anni Cinquanta   e ormai  un “ Borsalino” diventa  un accessorio d’obbligo da uomo e donna. Altri e noti nomi calzeranno il Borsalino: da Jean Gabin, Orson Welles, Totò, Peppino De Filippo, Frank Sinatra, Al Capone,  Leonardo di Caprio, Jhonny Deep, Marcello Troisi ,Clint Eastwood, Benigni, fino ad arrivare a  Nicol Kidman , Madonna, Uma Thurman e la poetessa rock Patty Smith.  Anche  eroi tenebrosi calzeranno un cappello di Alessandria, come Indiana Jones, e perfino i  mostri, come Freddy Kruger. Come dimenticare  Michael Jackson nel  maneggiare  a scatti con destrezza  e  padronanza il suo Panama   “ Easy “  in concerti Live da memoria.  Ma poi ancora  a Londra , quando la classe superiore della City  londinese  calzerà una bombetta Borsalino per circa 30 anni.  Tra gli anni Cinquanta e Sessanta un Borsalino  sarà quasi un obbligo da calzare nelle sfilate di moda di Roma e Parigi. I punti vendita si moltiplicano  sia italiani che esteri. Gli affari andranno  bene e ormai da decenni la Borsalino ha conquistato il prevalente monopolio commerciale  nei cappelli di lusso sfornandone centinaia di modelli di ogni specie e colore.  Sfilano le collezioni uomo e donna: cappelli in feltro “melusine” (a pelo lungo e lucente), baschi, cloche, coppole, cuffie in lana per l’inverno e qui segnaliamo i nuovi colori mostarda e arancio-zucca; “Panama” in paglia per l’estate apprezzato essenzialmente in versione maschile. Trascorrono i primi anni Sessanta  e    qualcosa inizia a non funzionare. La Borsalino imbocca il “viale del tramonto”, per parafrasare un titolo caro a quella Hollywood che l’ha resa un’icona di stile nel mondo.  Anche in tale Film il protagonista James Dean  calza un Borsalino. Iniziano dopo i primi anni Sessanta  le vicende giudiziarie  che dureranno  decenni fino ad  2016/ 2017, l’azienda passerà di mano più volte, sia volontariamente  che forzatamente.  Subentrerà  un fallimento  consensuale  e il “brand “  soffrirà   anche per  aspetti  fiscali ed economici  definiti  “ grigi “ nella migliore delle ipotesi.  Le vicende giudiziarie di Borsalino  sono note da anni:  in mezzo ci sono circa  160 anni di storia e di mito e pure un francobollo, voluto appena pochi mesi fa dal ministero dello sviluppo economico per celebrare tutta quella storia e collocare l’azienda tra le “Eccellenze del sistema produttivo italiano”.  Ecco in questa  News il terzo  cartone  litografico , conservato  con gli altri simili   al Museo Nazionale Collezione Salce  di Treviso.   Misura cm 31,50 x 22,0  e databile  1930 – 1935ca. Come per  gli altri tre cartoni lo stampatore è anonimo. Probabilmente il cappello è  un modello “Omero 1906” prodotto negli anni trenta  in altre successive varianti , con cupola diversa   a  solco centrale  e  fasciata da  un nastro con altezza proporzionata.  L’uomo è sempre lui, rappresentato in perfetto stile sarfattiano , ma questa volta senza sigaretta in bocca.  Opera visibile alla sezione Manifesti> Borsalino .  © 2019 archivio MD”



error: Content is protected !!