Così forse Dudovich interpretava a suo modo il mare nel mese di settembre. Ma non è la solita storia. Esistono ancora piccoli tesori nascosti che con il trascorrere del tempo emergono dopo decenni di sepoltura. Da una piccola stamperia privata milanese in dismissione...

Siamo a Milano, quartiere “San Siro", zona di pregio residenziale posta ad Ovest dell’agglomerato urbano. Tra il 1920 e 1930 tale quartiere sarà oggetto di alcune rilevanti edificazioni dedicate all’attività sportiva quali, nel 1920 ca l’ Ippodromo del galoppo...

Un manifesto rosso e caldo come l’estate, apertamente festaiolo per reclamizzare la nota località balneare. Un invenzione geniale dove la modernità viene rappresentata da un ironico possente delfino con occhio furbesco ...

Siamo agli inizi della produzione di manifesti a firma Dudovich. Precisamente l’anno 1900 e la datazione impressa sul manifesto non lascia dubbi. Presentiamo un “ Dudo “ ai primi albori, molta influenza del Liberty europeo rivisto...

Tra il 1906 e il 1913 Dudovich produrrà la nota e fortunata serie dei manifesti per i Magazini Mele & C. di Napoli . Opere stupende annoverabili tra i migliori capolavori dell’Artista che ancora progettava manifesti con un...

Ti ho baciato nella via più scura dove l’ombra si veste di pizzo con i dubbi marciti da un pezzo e le grondaie che piangono di già, siamo lupe con le scarpe nere su una strada senza primavere, siamo denti stretti in mezzo al...

L'Agfa fu fondata nel 1867 a Rummelsburg, presso Berlino, da Paul Mendelssohn Bartholdy, figlio del compositore Felix Mendelssohn, e da Carl Alexander von Martius. Nel 1873 prese il nome di “Aktien-Gesellschaft für Anilin-Fabrikation”, il cui acronimo è AGFA. L'azienda produrrà inizialmente prodotti chimici per il...

Raffinato manifesto del 1922ca con ispirazione marina, ambientazione sempre gradita all’Artista che usufruirà anche per altre creazioni di una moda avanzata che alla Rinascente sarebbe stata disponibile per...

Dal 23.03.2018 al 01.07.2018 Nell’ambito del palinsesto culturale Novecento Italiano il Comune di Milano - Cultura e la Soprintendenza del Castello Sforzesco presentano i capolavori della grafica italiana del Novecento conservati nelle raccolte civiche e nelle collezioni di Intesa Sanpaolo con una esposizione di disegni, incisioni...

Siamo nel 1946, immediato periodo post bellico. L’Italia è reduce da un conflitto mondiale e tutti i settori industriali e commerciali sono stati divorati dalla devastazione , dall’inflazione, dalla miseria dilagante. C’è il bisogno di riprendersi e attivare quei processi di recupero ...

error: Content is protected !!